Amo Travel precedentemente noto come Amo Vietnam

Top selling tours

In VietNam, Laos & Cambodia

Il regime politico

Il Vietnam è una Repubblica socialista il cui sistema politico è definita dalla Costituzione del 1992, modificata nel 2001 e nel 2013. La sezione 4 del testo afferma che “Il Partito Comunista del Vietnam è la forza che porta lo Stato e la società.”

L’Assemblea nazionale è composta da 490 membri eletti per 5 anni a suffragio universale. Esso elegge il Presidente dello Stato e, su proposta di quest’ultimo, il primo ministro, i cui termini sono cinque anni rinnovabile.

Il Congresso del Partito comunista vietnamita (la cui adesione ha raggiunto più di 3 milioni di persone in tutto il paese) si tiene ogni 5 anni. Elegge 175 membri del Comitato Centrale e tra questi, 16 persone nel Politburo. L’Ufficio Politico è l’organo supremo del partito e il nucleo del potere dello Stato; riunisce, tra gli altri, il Segretario generale del partito, il Presidente dello Stato, il presidente dell’Assemblea Nazionale, il primo ministro, il ministro della Difesa.

Anche se non sono classificati nella gerarchia delle norme, le risoluzioni adottate dall’Ufficio politico richiedono competenze legislative e regolamentari. Queste risoluzioni impostare le linee guida generali da seguire in tutti i settori, che sono soggette tutte le misure governative e legislative. L’Assemblea nazionale, criticato per non fare che il voto che è già deciso dal partito si sforza di recente a prendere più autonomia. I dibattiti e sessioni di domande – risposte al Parlamento, trasmesso in diretta dalla televisione nazionale, suggeriscono una politica più trasparente e democratico.

Il Comitato centrale del partito detiene anche notevoli poteri. È questo comitato, che elegge il Politburo cui decisioni devono essere approvate dal comitato. E infatti, non è possibile diventare ministro o presidente di commissione di un popolo provinciale, per esempio, senza prima essere eletto al Comitato centrale.

Amministrativamente, il paese è attualmente diviso in 58 province e cinque città direttamente sotto il governo centrale (cioè Hanoi, Haiphong, Danang, Can Tho e Città di Ho Chi Minh). Ogni provincia è divisa in distretti, che sono suddivisi in comuni. Ad ogni livello amministrativo è un Consiglio popolare eletto direttamente dal popolo. Il Consiglio, a sua volta elegge dei cittadini Comitato, vero dirigente locale, coadiuvato nel suo lavoro da così tanti che ci sono tecniche dipartimenti dei servizi a livello centrale. Così ogni comitato popolare è posto sia sotto l’autorità del Governo e sotto quello, un consiglio meno tecnica popolare.

Gli sforzi di deconcentrazione (e mai decentralizzazione nel vero senso della parola) ha iniziato da circa quindici anni, cercando di dare alle autorità locali una maggiore autonomia nelle loro azioni.

Magistratura:

Tribunali moderni in Vietnam sono stabiliti da una legge del 1960, modificata due volte nel 1982 e nel 2002. Si sono organizzati su tre livelli: la Corte Suprema del Popolo, tribunali del popolo e distretti giudiziari provinciali della gente. I principi generali che li disciplinano sono, tra gli altri: più alta corte, l’indipendenza della magistratura che è soggetto soltanto alla legge, l’uguaglianza di fronte alla legge, garantire i diritti della difesa, audizione pubblica. Non vi è alcun Corte costituzionale in Vietnam.

La Corte distrettuale è il giudice di primo grado. Il tribunale provinciale è principalmente il giudice di appello delle decisioni fatte dal tribunale distrettuale, mentre si giudice del processo, in alcuni casi. Corte Suprema del Popolo è in primo luogo una Corte di cassazione, ma giocare con il ruolo di giudice di appello di decisioni di primo grado dei tribunali provinciali.

I magistrati sono reclutati dalla concorrenza, soprattutto tra gli impiegati con almeno 5 anni di esperienza (gare) e, più recentemente, tra i giovani laureati di scuole di diritto (concorso esterno). Essi devono ricevere una formazione professionale in una scuola specifica (Accademia giudiziaria) prima di essere nominato di funzioni giurisdizionali per un periodo di 5 anni, rinnovabile su proposta di una commissione giudicatrice annovera tra i suoi membri un singolo magistrato.

 

Testimonianze

Avanti